È un tema che non andrà mai “fuori moda” soprattutto oggi che, per forza di cose, la presenza dei bambini è maggiore fra le mura domestiche e magari noi siamo impegnati nello smart working, avendo maggiori potenziali “distrazioni”.

Per evitare ansie o paure, che ne abbiamo già abbastanza, qui di seguito alcuni piccoli punti di attenzione da mettere in atto con semplicità, per vivere un pò più serenamente la casa.

Alcuni dati:

Consideriamo che la Società Italiana di Medicina Emergenza ed Urgenza Pediatrica ha stabilito che, nel solo anno 2018, in Italia si sono registrati 60.000 casi di intossicazione all’interno delle mura domestiche. 

Di questi, 19.500 hanno riguardato bambini ed adolescenti fino a 17 anni.

I bambini, si sa, appena iniziano a muovere i primi passi hanno una incontenibile voglia di scoprire tutto ciò che li circonda, ed è specialmente in questa fase che dobbiamo porre estrema attenzione a come conserviamo detersivi, medicinali, ecc… per evitare che possano ingerire sostanze pericolose.

Le sostanze più probabili come presenza in casa, verso cui porre maggiore attenzione, sono sicuramente le seguenti:

  • Detersivi in generale (per pavimenti, per lavastoviglie o lavatrice)
  • Sgrassatori e Pulitori per forni, per superfici metalliche e per vetri.
  • Insetticidi
  • Saponi – shampoo – bagni schiuma
  • Disgorganti e soda caustica
  • Farmaci
  • Smalti per unghie e/o tinture per capelli
  • Sigarette e mozziconi

Come evitare intossicazioni ed a cosa prestare attenzione in casa?

E’ necessario evitare di tenere i detersivi e le sostanze tossiche per la pulizia dei sanitari sotto i lavandini o comunque raggiungibili facilmente dai bambini.

Giocate con loro e fate gli esploratori.

Scoprirete quante cose loro vedono e voi no.

Una buona pratica è quella di spostare le sostanze in punti della casa il più in alto possibile se non si riesce a metterle sottochiave.

Evitiamo di travasare sostanze pericolose in altri contenitori senza averli opportunamente etichettati o resi identificabili.

I farmaci, sigarette e mozziconi sono altrettanto molto pericolosi.

Anche a casa dei nonni è opportuno non abbassare la guardia.

Loro danno una mano ai figli ma non si può non dare lor una mano per proteggere i nipotini.

Può succedere ad esempio che per abitudine gli anziani tolgano dalle confezioni o dai blister i medicinali da prendere durante la giornata, e li mettano in bella vista proprio per evitare di dimenticarsi.

Possono essere facilmente raggiunti dai bambini e magari scambiati per semplici caramelle?

Anche per i farmaci, quindi, conservali in zone alte dei mobili o in cassetti appositamente bloccati.