Di fronte ad un infortunio o malattia professionale generalmente si parla di colpa.

La colpa nel diritto designa una forma di imprudenza, negligenza o imperizia compiuta nel porre in essere un atto da parte del danneggiante.

Nessun imprenditore infatti, verosimilmente, assume ed investe su risorse umane destinate consapevolmente a farsi male o ammalarsi.

Il dolo è la forma più grave di colpevolezza, nel senso che il reato doloso è quello punito con la pena più grave e consiste nella volontà di cagionare l’evento che costituisce il reato.

Il dolo non lo assicura nessuna compagnia, la colpa sì.

Di fronte ad un evento in cui sono state emanate prescrizioni, è fatto obbligo adempiere proprio per non ricadere su una “classificazione” del reato estremamente severa e dura.

Per questo servono i consulenti tecnici di parte che conoscono meglio le implicazioni di posizioni di principio e soluzioni tecniche di supporto sia preventivo sia rimediale.

Un interessante analisi svolta da Anna Guardavilla riporta su puntosicuro riflessioni, analisi e sentenze di cassazione utili ad eliminare ogni dubbio a proposito.

Credere di avere ragione non significa averla con certezza.

EFFICIENTI E CONCRETI noi siamo a vostra disposizione insieme ai legali con cui collaboriamo.

https://www.puntosicuro.it/sicurezza-sul-lavoro-C-1/rubriche-C-98/sentenze-commentate-C-103/omissione-dolosa-di-cautele-antinfortunistiche-quando-applicabile-AR-20809/?utm_source=newsletter&utm_medium=email&utm_content=4&utm_campaign=nl20210128%2BPuntoSicuro%3A+sommario+del+28+gennaio+2021&iFromNewsletterID=3498