Spesso viene chiesto: a cosa serve fare la 231 ed il modello organizzativo?

Ho fatto tutto quello che dovevo, nominato l’RSPP, fatta la Valutazione dei Rischi, fatta la formazione, consegnato i DPI, le macchine sono a norma. Cosa devo fare di più?

Ciò che viene chiesto ad un’organizzazione, è di fare in modo di scongiurare INTERESSE e VANTAGGIO dell’ente, cioè l’impresa, in caso di infortunio grave.

La Cassazione ricorda che:

“Ricorre il requisito dell’interesse quando la persona fisica, pur non volendo il verificarsi dell’evento morte o lesioni del lavoratore, ha consapevolmente agito allo scopo di conseguire un’utilità per la persona giuridica; ciò accade, ad esempio, quando la mancata adozione delle cautele antinfortunistiche risulti essere l’esito (non di una semplice sottovalutazione dei rischi o di una cattiva considerazione delle misure di prevenzione necessarie), ma di una scelta finalisticamente orientata a risparmiare sui costi d’impresa.

Pur non volendo il verificarsi dell’infortunio a danno del lavoratore, l’autore del reato ha consapevolmente violato la normativa cautelare allo scopo di soddisfare un interesse dell’ente (ad esempio far ottenere alla società un risparmio sui costi in materia di prevenzione).”

”Ricorre il requisito del vantaggio quando la persona fisica, agendo per conto dell’ente, pur non volendo il verificarsi dell’evento morte o lesioni del lavoratore, ha violato sistematicamente le norme prevenzionistiche e, dunque, ha realizzato una politica d’impresa disattenta alla materia della sicurezza del lavoro, consentendo una riduzione dei costi ed un contenimento della spesa con conseguente massimizzazione del profitto…”

Siamo a vostra disposizione per chiarire qualsiasi dubbio in proposito, dandovi il supporto necessario per fare la scelta più opportuna.